AESON 2011

MEMORIE:

Il format continua ad evolvere ma iniziano a consolidarsi l’idea di festival in un luogo stabile. Infatti la festa è andata benissimo. Un successo.  Al punto da renderci conto che lo staff ed il gruppo di lavoro era troppo esiguo in numero per affrontare quello che stavamo facendo…  dovevamo crescere.

Le opere degli artisti sono in parte itineranti, spesso momentanee o istantanee, ma nel parco dell’Isonzo di Fiumicello si concentrano buona parte dei lavori.
Fermate solo per la memoria dei presenti e delle foto.

Diversi gli ospiti stranieri.

Oltre alle opere in vengono proposti alcuni lavori di sensibilizzazione ambientale immaginati da Davide Scridel.

Ritorna l’idea di opera collettiva.

Tony Albrow è arrivato dall’Inghilterra con oltre 600 esagoni di vimini rosso dentro ad un’auto monovolume. Gli esagoni sono stati trasformati in una moltitudine di opere lungo i luoghi più belli dell’Isonzo.

In parallelo ad AESON presso l’Isola della Cona nello stesso periodo continua la rassegna de IL FIUME ELE STELLE… stessa tipologia di evento ma spalmato lungo tutta l’estate e centrato all’Isola della Cona a Staranzano.

La rassegna di eventi presso l’Isola della Cona IL FIUME E LE STELLE continua (n.d.A.: locandina 2011 notevole). Tra gli eventi della Riserva Foce Isonzo promossi dalla Cooperativa Thiel, ideato da Massimiliano Pinat ed Enrico Saba c’è l’attraversata del golfo di Trieste a nuoto!


METEO: buono, molto caldo
DIREZIONE ARTISTICA: Devid Strussiat

Artisti che hanno esposto le loro opere

OPERE